Wearing the mask is not trendy, is only necessary

This is day 3 of the Italian Re-opening. Life should go back to normality but honestly nothing is normal . First of all going around covered up with the surgery masks IS NOT NORMAL.

As a matter of fact I wanted to point out that we wear the masks because it’s an emergency situation, because we don’ t know how to behave with this virus yet and the only defence we have is to stay far away from those we meet in order to avoid getting infected.

For this reason PLEASE let’s not make the huge mistake of considering the mask a trendy item, let’s not make a fashion biz out of it, let’s not turn an item that is only for health purposes into a fashion item. To be honest at the beginning as a brand owner I thought it would have been cool to have our own logo mask, but right afterwards I realized that wearing and proposing a Lalla’s mask to my clients could immediately transform something that shouldn’t be desirable into something desirable and I decided NOT TO produce any mask with my logo.

As a matter of fact the way fashion works is creating desirable products , that people just can’t wait to have and to wear. This should not happen with the masks, masks should just stay as ugly and minimal as they are, simply surgery ones that have those filters we need to protect ourselves. In fact many masks around in simple cotton are not even useful against the virus but only useful for those who sell them and those who wear them thinking they are cool.

There is NOTHING fashionable in the face masks , therefore my personal wish is that the fashion biz will not spread and speculate on this terrible virus transforming and useful item into a desirable one simply because it has a logo on it.

Thank you and let’s enjoy this new kinda freedom guys !

PS. il prossimo articolo sara’ in italiano, promesso 😉

Ciao, ML

IO STO A CASA CON LALLAS

25 giorni di domiciliari italiani. Come state?

Essere privati della liberta’ di andare in ogni dove, restando confinati nelle nostre case piu’ o meno grandi puo’ essere devastante psicologicamente ma non dobbiamo mollare, la soluzione e’ vivere giorno per giorno.

Ormai ci siamo dentro e l’unica cosa che possiamo fare e’ prendere il meglio perche’ solo cosi’ si ha la forza di andare avanti senza paura ma con coraggio.

Ammetto di essere finita in un letargo creativo forzato, quando creo spesso salto la fase del disegno e vado direttamente al prototipo, dall’idea alla realizzazione, se non lo faccio sto male , e’ una specie di stato di agitazione interiore che ti tormenta finche’ non vedi e tocchi con mano il prototipo. Ecco adesso questo non e’ possibile, non devo pensare, non posso progettare, non mi riesce, tanto non potro’ toccare con mano nulla. Resterebbe solo l’idea e allora mi fermo prima e la creativita’ sfocia in altre direzioni, come la scrittura, ma quella e’ un’altra storia…

Ho vissuto due settimane in tuta e piagiama , passate a cucinare, a mangiare, a inventarmi di tutto dentro casa, a giocare coi ragazzi, a scervellarmi per capire perche’ siamo messi cosi’, ad ascoltare i bollettini di guerra dei tg, a non dormire la notte o peggio a dormire svegliandomi stanchissima dopo i peggiori incubi. Mi sono resa conto di aver messo in stand-by chi ero e cio’ che avevo costruito come molti di voi la’ fuori. Vivevo dentro a un fermo immagine, ogni giorno uguale a quello prima.

Andando avanti cosi’, in che condizioni sarei arrivata alla fine della quarantena? allora ho capito che dovevo prendere il meglio e darmi un’aggiustatina. Non avrei cambiato la vita di chi stava soffrendo ma una mamma positiva fa star bene i propri figli. Ho deciso di pensare meno e ricominciare a scrivere dato che ho piu’ tempo, di andare su fb solo a tarda sera, di guardare zero tg ma solo film, magari in inglese, di fare ginnastica tutte le mattine, di ascoltare la musica di Ludovico Einaudi, di far sparire la ricrescita bianca, di togliermi il pigiama e di mettere il mascara tutte le mattine. Poi ho messo la mia girocollo Pianeti preferita e ho chiesto a mia figlia di scattarmi una foto, quella qui sotto. La fase zombie finiva li’.

Non dimenticando chi soffre in questo momento, mi rivolgo qui a chi mi segue e che ha un pezzo Lalla’s nel cassetto, tiratelo fuori e indossatelo ! Basta giornate in pigiama, capelli in disordine, visi pallidi e barbe arruffate! State comodi ma chic!

Partecipate a #IOSTOACASACONLALLAS mandandomi una foto di voi a casa, oppure pubblicatela taggando @lallasdesign , quelle che ricevero’, le pubblichero’ una al giorno fino alla fine di questa quarantena.

Cosi’ avrete raggiunto due obiettivi, il primo sara’per voi stessi, dimostrando che trascurarsi e’ sbagliato soprattutto in questo brutto momento . Poi vedervi belli vi fara’ sentire bene e la vostra salute ne avra’ tutti i vantaggi alzando le famose difese immunitarie !

Il secondo sara’ quello di avermi aiutato a tenere vivo l’interesse per cio’ che ho creato in questi anni, rinforzando i messaggi positivi dietro al brand, messaggi da sempre legati all’importanza di tenere in vita l’artigianato italiano, di capire che basta poco a fare la differenza, di creare pezzi eco-friendly, di reciclare e non inquinare, di scegliere cio’ che indossiamo perche’ ci piace ed e’ unico, di acquistare meno e meglio, di essere liberi di essere se stessi non necessariamente legati alle mode imposte, di amare questo pianeta perche’ al momento abbiamo solo questo .

Io, dopo il Covid19 , continuero’ nella direzione intrapresa e potro’ farlo meglio se non saro’ sola ma avro’ voi tutti con me , sempre di piu’. Per il resto STIAMO A CASA ancora un po’.

Grazie a tutti, ML

PS: Le foto stanno gia’ arrivando…una figata! guardate voi stessi sul link qui sotto.

https://www.instagram.com/lallasdesign/

Italy shut down and creative mood

Hi there, here I am today at our 11th day of Lab shutting down and country closure. Unfortunately things are going to be this way for another month or so here in Italy. For us emerging brands is going to be bloody difficult economically , we need as much help as possible from you out there who believe in our work and who appreciate our creations. I personally will keep creating no plastic jewels handmade in Italy but the reality is that the general mood is so depressed that no one now is interested in jewels or fashion, the only thing every one is talking about is this damned virus .

So let me clarify a bit how things really are over here: yes people are dying but 90% die with the virus and NOT beacause of the virus . We have more deaths than China now, because we have lots of elderly people around 80 and those are the deaths mainly. Unfortunately this virus spreads out quickly and, as we don’t have a vaccine as we do for the common flu , lots of people risk to be infected easily and those who have a low immune system risk more than the others ending in hospital. Italy does not have enough intensive care rooms to look after all those in possible need of ventilators therefore the government decided to keep us all at home, away from the streets , shops , schools, away from any contact to reduce the contagion. This is the only solution right now unfortunately, those countries where the hospitals can cope with a better assistance will be able to win the war better and with less economic damage.

We are paying now for the huge politics mistakes in terms of Health investments cuts in the past.

As far as I am concerned I am at home , trying to create keeping the concentration I need, trying to get the best out of this time with family around me 24hrs and smiling to my 3 kids as much as possible. I see it as a great opportunity to appreciate nature and its beauty, we are lucky to live in the Tuscan country side that in this period of the year is of an amazing beauty. Spring is all around us, staying home let’s take the time to think about our planet making it a better place to live in. We can all get out of this helping each other.

Grazie my friends, take good care of yourself and don’t forget to #buyitalian.

catalogue and orders via whatsapp on +39 3934008298

ML

Quarantena : tempo per fermarsi a riflettere

In questi 4 giorni di quarantena Italiana ho riflettuto molto sul perche’ del virus e sul PERCHe’ ORA.
Penso da sempre che il CASO NON ESISTE e tutto ha una ragione, a tutto c’è una spiegazione. Per il coronavirus la spiegazione è una sola, l’unica sensata per me e magari pure per voi, basta aprire gli occhi: la NATURA ci sta dando una dura lezione al caro prezzo dei nostri morti.
La Natura sta prendendo il CONTROLLO e la sua rivincita su di noi. Come? prima in Cina, ora da noi, chi ha beneficiato del COVID-19 ? l’ambiente cioè l’ ARIA.  Noi respiriamo aria migliore  grazie al drastico calo dell’inquinamento, ad Arezzo, a Senigallia, a Milano, a Roma  e tra unpo’ a New York… e’ assurdo ma e’ cosi’.
Poiché il mondo si stava auto-distruggendo ci voleva qualcosa di potente per fermare la produzione di CO2.
Ed è pure sadica la Natura perché si muore proprio perché NON SI RIESCE A RESPIRARE, poteva farcela pagare in mille modi invece ha scelto di agire attraverso l’ aria e colpire i polmoni, non è un caso.
La natura ci ha così costretto a RIDURRE L’INQUINAMENTO ambientale in modo obbligatorio, improvviso, senza pietà. Come mai aveva fatto prima!
Mi auguro che chi governa ci rifletta bene perché allora tutti questi morti NON SARANNO MORTI IN VANO. Quando tutto sarà passato e avremo contato i morti come dopo una guerra, andranno prese delle decisioni perché ridurre l’inquinamento è ORA palesemente necessario. Fermare l’avanzamento del cemento deforestando interi spazi e’ necessario. Lasciare gli animali nei loro habitat naturali e’ un dovere.
La NATURA ci sta dicendo : “non lo capite con le buone, ve lo faccio capire con le cattive”. Sta piano piano ripulendo l’aria mondiale a pezzi, la sua rivincita è pesante ma noi l’abbiamo pesantemente distrutta. Se non lo capiamo e cambiamo direzione a livello globale, peggio verra’.
OGNI IMPEDIMENTO VIEN PER GIOVAMENTO, diceva mia nonna.

Buona Quarantena a tutti, prendete il meglio !

ML

LALLA’S NON SI FERMA

Solo un breve aggiornamento dovuto alla situazione attuale che stiamo vivendo come persone, come genitori, come creativi, come imprenditori e come vittime di qualcosa che e’ piu’ grande e che ci fa paura.

Al LallasLab nulla e’ cambiato , come sempre e’ Aperto su APPUNTAMENTO , al solito vi ricevo uno per volta perche’ meritate tutta la mia attenzione e lo spazio e’ tale da stare piu’ che a 1MT di distanza. Non vi abbraccero’ ovvio, ma un sorriso possiamo comunque scambiarlo e quindi se avete voglia di farvi un regalo colorato in questo periodo un po’ buio, prendete appuntamento che il Lab vi aspetta con tutte le sue meraviglie.

Capisco che la pesantezza di questa situazione ci impedisce di prendere decisioni future, ci impedisce di sognare e anche io mi ritrovo ad essere come impedita a creare ma dobbiamo REAGIRE , stare a casa non vuol dire spegnere il cervello, stare a casa oggi grazie alla tecnologia vuol dire lavorare, comunicare e interagire con gli altri piu’ di quanto noi crediamo , stare a casa vuol dire rispettare il prossimo e rallentare il contagio.

Quindi anche da casa NON FERMATE le menti ma approfittate per organizzare un gran ritorno la’ fuori.

1MT DI DISTANZA NON CI FERMERA’

 

In boccallupo a tutti noi e a presto !

ML